La cucinoterapia. La cucina come attività educativa per ragazzi in difficoltà

1 dicembre 2008 – 14:36

Volevo segnalare un interessante articolo di Carla Casazza sulla Cucinoterapia, attività svolta da Andrea Fanchin di Peccati di Gola con dei ragazzi tossicodipendenti in trattamento.

I ragazzi a contatto con il lavoro della cucina, riprendono pian piano l’uso e la conoscenza del proprio corpo. In poche parole in cucina si usano le mani, le braccia, i muscoli, la vista, l’olfatto, il gusto e via dicendo. E poi il lavoro fisico, la fatica, lo sforzo, la concentrazione.

Leggi l’articolo su Mondo del Gusto



Se hai trovato interessante il post sottoscrivi il feed RSS o aggiungi questa pagina ai tuoi social network preferiti:

Post a Comment