La parte agricola della rete In fiera 2.0

22 luglio 2008 – 14:23

Francesco Travaglini in un post su I sovversivi del gusto, lancia la sfida di una fiera virtuale da proporre parallelamente al Salone del Gusto. Francesco da pure lo spunto per il titolo. Salone del Gusto: la parte agricola della rete..in fiera 2.0. L’idea mi piace e credo che, a livello di mezzi, conoscenza e cultura web, sia arrivato il momento di provare ad imbastirla. Osare. Io da parte mia ci sto, mettendo a disposizione tutto il mio “sapere” in materia.

Una fiera in rete che darebbe la possibilità a tanti piccoli imprenditori di poter proporre i loro prodotti, organizzando gli stand direttamente da casa loro e ottenendo quella visibilità altrimenti impensabile da raggiungere. Poi molto schiettamente, basti pensare al costo di una fiera per un imprenditore e facciamo quattro conti. In una fiera organizzata in rete il costo è praticamente nullo, se si riesce ad organizzare un equipe che comunque metta in piedi tutto l’ambaradam. Penso per esempio ad un blog pensato e costruito a hoc per la fiera, che possa in qualche modo fare da traino alla fiera stessa e che diventi un punto d’incontro sempre aperto. C’è da ragionarci un pochino, certo sarebbe un peccato non usufruire dei mezzi che esistono e che son lì, a portata di mano.

C’è bisogno comunque di crederci fino in fondo, come dice giustamente Francesco. Che sottolinea come i produttori siano ancora lontano dal web.

Mi piacerebbe che i progetti, le idee, fossero proposte e messe in campo anche dai produttori…
Non hanno internèt? Potrebbero usare anche i segnali di fumo ma …cazzarola se ci siete battete un colpo!

Print Friendly, PDF & Email

Articoli correlati:



Se hai trovato interessante il post sottoscrivi il feed RSS o aggiungi questa pagina ai tuoi social network preferiti:
  1. 4 Responses to “La parte agricola della rete In fiera 2.0”

  2. credo che il cartaceo sia comunque insostituibile….e ti spieghero’ il perche’…ciao

    By adriano Liloni on Lug 22, 2008

  3. @ Adriano Liloni Non ho dubbi, sul fatto che il cartaceo sia insostituibile. Io mi rifacevo all’idea di una fiera virtuale. Allo spunto che Francesco ha dato nell’articolo letto su i sovversivi del gusto.
    Comunque lo ribadisco anche a te, che sono pronto a mettermi in gioco e a mettere in gioco tutta la mia esperienza web, per questa idea della fiera virtuale.
    Sono altresì convinto che, per metterla in piedi per bene, ci vogliano almeno 4, 5 mesi.

    By Andrea on Lug 22, 2008

  4. Una fiera non è cartacea.. io penso che un piccolo produttore agricolo come lo sono io non può permettersi di rinunciare ad utilizzare questi fantastici strumenti che sembrano fatti ad ok..
    Una fiera virtuale tra produttori agricoli in rete sarebbe fantasticamente efficace.
    Grazie Andrea per la tua disponibilità!
    F

    By Francesco Travaglini on Lug 27, 2008

  5. @ Francesco Travaglini Forse Adriano non si riferiva ad una fiera virtuale quando parlava di cartaceo. Ma più in generale ad un discorso di “propaganda” classico. Una fiera virtuale è virtuale e basta, su quello non ci piove, che poi per un’azienda serva anche del materiale fisico, su questo sono altrettanto d’accordo.
    Ma mettere in piedi una fiera virtuale sarebbe gran cosa. Ribadisco il concetto che ci vogliono mesi, ed uno staff che lavori sodo e insieme. Con, inizialmente, degli incontri in cui ci si possa “toccare con mano”
    Io ci sono

    By andrea on Lug 28, 2008

Post a Comment