La sicurezza alimentare in Cina, presentazione libro shock di Zhou Qing

23 novembre 2008 – 21:14

Mercoledì 26 novembre 2008, ore 18, nella Sala conferenze della Biblioteca Civica di Mestre, in via Miranese 56, ci sarà un incontro con Zhou Qing, scrittore, giornalista e dissidente cinese, in occasione della pubblicazione del libro “La sicurezza alimentare in Cina” (Spirali, 2008). Oltre all’autore, interverrà Daniela Boresi, giornalista del “Gazzettino” e docente al Master in Comunicazione delle Scienze dell’Università di Padova.
Introdurrà Arianna Silvestrini, presidente dell’Associazione Cifrematica.

Questo libro racconta “uno scandalo annunciato” (Rita Fatiguso nel ”Sole 24 Ore“); appena pubblicato in Cina nel 2006 è stato immediatamente messo all’indice dal governo. Nello stesso anno, è stato premiato a Berlino al ”Lettre Ulysses Award for the Art of Reportage“ (premio che nel 2003 venne conferito ad Anna Politkovskaja).

Zhou Qing racconta in modo brillante e dettagliato le violazioni alle norme sull’alimentazione, l’utilizzo di additivi vietati, il debole sviluppo ambientale; materie prime, prodotti finiti e derivati destinati al consumo animale e umano sono esposti a manipolazioni producendo un effetto dannoso sulla salute delle persone. Le produzioni di esportazione cinesi si basano in larga misura sulla mano d’opera di prigionieri, pratica di cui Qing dà testimonianza in prima persona.
Scrive Zhou Qing: “Esiste una differenza sostanziale per quanto riguarda la causa delle guerre in Cina e in Occidente. In Occidente spesso si sono scatenate guerre per motivi religiosi o per le donne. In Cina le guerre si sono scatenate per un solo motivo: mangiare”.
Questo libro testimonia come la salute esiga un programma in direzione della qualità e del valore. Occorre che la produzione alimentare, come ciascuna impresa, non sia costretta in una logica di “profitto senza scrupoli”, ma sia intesa come processo di qualificazione; occorre che anche l’alimentazione non sia esente da un approccio di qualificazione della vita poiché, come constata la cifrematica, essa non risponde a un mero bisogno sostanziale.

Zhou Qing vive e lavora a Pechino. Giornalista, redattore e esperto di storia antica cinese, studia le attuali condizioni di vita del suo paese. Dopo avere lavorato come primo redattore al “Folk Magazine” e all’“Economy & Trade”, oggi dirige lo Xi’an Cang Xie Cultural Research Institute ed è redattore della rivista “Oral Museum”. Arrestato nel 1989 per la partecipazione alle contestazioni in piazza Tian’anmen, ha rifiutato la rieducazione e tentato la fuga: per questo è stato sottoposto a un rigoroso piano di “riabilitazione”. Membro dell’Independent Chinese Pen Association, dal 2002 si interessa di questioni di sicurezza alimentare.

L’avvenimento è organizzato dall’Associazione Cifrematica con la collaborazione del Comune di Venezia e con la partecipazione della Banca del Veneziano.

Per ulteriori informazioni:
venezia.cifrematica.com
cifrematica.ve@gmail.com



Se hai trovato interessante il post sottoscrivi il feed RSS o aggiungi questa pagina ai tuoi social network preferiti:

Post a Comment