Cappone farcito al forno, menu di Natale 2010

23 dicembre 2010 – 07:59

Prenota cliccando QUI

il Cenone di Capodanno 2010

al ristorante “La

Barchessa di Peccati di Gola”

Ingredienti per 8 persone: 1 cappone disossato, 200 gr. di polpa di vitello, 200 gr. di lombo di maiale, 100 gr. di lardo, 100 gr. di mortadella, 100 gr. di prosciutto cotto, 200 gr. di prosciutto crudo, 100 gr. di lingua salmistrata, 200 gr. di lardo, burro, sedano, 1 carota, timo, maggiorana, lauro, marsala, brodo, fecola di patate, 1 fetta di petto di pollo, pistacchi sgusciati, 2 uova, parmigiano grattugiato, noce moscata, pepe, sale.

Preparazione: cospargete l’interno del Cappone con sale e pepe. Impastate le carni tritate (vitello, lombo di maiale, lardo, mortadella, prosciutto cotto, lingua, petto di pollo) con le uova, il parmigiano, i pistacchi rinvenuti nell’acqua calda e le scaglie di tartufo nero. Aggiungete una grattatina di noce moscata, salate e pepate. fasciatelo con qualche fettina di prosciutto crudo e mantenendo ferme le fettine con del filo da cucina. Prendete una casseruola e ricoprite il fondo con fette di lardo. Aggiungete mezzo etto di burro, una costa di sedano tagliata finemente, una carota tagliata in piccoli pezzetti, un rametto di timo, qualche fogliolina di maggiorana e una foglia di alloro. Appoggiate il cappone, bagnatelo con mezzo bicchiere di marsala e una tazza di brodo. Salate. Coprite la casseruola e cuocete per circa un’ora a fuoco moderato. A cottura completa, estraete il cappone, liberaratelo dalle fette di prosciutto togliendo il filo da cucina. Togliete il grasso dalla casseruola e le fette di lardo. Versate in un colabrodo il fondo di cottura ed estraete tutto il sugo. Mettete il sugo raccolto sul fuoco e  fatelo bollire. Versate la salsa sul cappone che avrete riposto nella casseruola. Portate sul fuoco e lasciatelo insaporire ancora per qualche minuto. Tagliate in 8 pezzi e servite su piatti da portata caldi, condendo con il sugo ottenuto.

Prenota cliccando QUI

il pranzo di Natale 2010

al Ristorante “La Barchessa di

Peccati di Gola”



Se hai trovato interessante il post sottoscrivi il feed RSS o aggiungi questa pagina ai tuoi social network preferiti:

Post a Comment