La falsa etichetta condiziona l’acquisto, il gusto e la salute

4 maggio 2011 – 06:12

Gli anglosassoni lo chiamano effetto “halo”, cioè effetto aura, e sostengono che tutti ne sono influenzati quando scelgono una merce e, in modo particolare, un alimento. È il condizionamento che deriva dall’etichettatura e dal packaging. Può avere anche effetti negativi, per esempio quando è sfruttato dai produttori di cibo spazzatura per proporre prodotti che danno l’impressione di essere in qualche modo sani.

Leggi l’articolo completo via Il Fatto Alimentare



Se hai trovato interessante il post sottoscrivi il feed RSS o aggiungi questa pagina ai tuoi social network preferiti:

Post a Comment